Forum Tic e Tourette - AST-SIT ONLUS (Associazione Sindrome di Tourette - Siamo In Tanti)

 
  Pagina iniziale Forum Regolamento del Forum Vai al Sito dell'AST-SIT 
Cerca nel Forum Come hai conosciuto il Forum? Associati all'AST-SIT
Discussioni recenti Guide per l'uso del Forum Contattaci

 

 

 

 

 

 

 

 


Bacheca

SOSTIENI AST-SIT CON IL TUO 5 x 1000 - Clicca qui!

Benvenuti nel forum AST-SIT

Problemi con il Login? Clicca qui!

 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

La mia situazione

Last Update: 4/5/2018 8:39 PM
1/24/2008 5:41 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 41
Registered in: 1/22/2008
Premetto che solo la scoperta di questo forum dove poter parlare liberamente dei miei tic e della mia situazione mi ha fatto venire un bel sorrisone e mi ha fatto rilassare, magari bastasse questo per farli cessare, quindi vi ringrazio tutti!

I miei genitori non sanno che sono alla ricerca di un rimedio ai miei tic per saperne di piu da quando sono piccolo credo che sia giusto almeno chiedere info a loro sulla mia storia da principio.

Cmq ho sempre avuto tic, lo sbattere gli occhi, fare l'occhiolino, spalancarli per poi dopo strizzarli sono quelli che ho sempre avuto.
Ultimamente tiro su con il naso abbastanza frequentemente e ogni tanto premo i mignoli delle mani sull'interno del palmo delle stesse. A volte, in modo abbastanza simile picchio le punte dei piedi per terra. Più raramente mi picchio un piede sul malleolo dell'altro, piego il polzo,piccoli rumori con la gola.

I miei genitori fin da quando ero bambino mi hanno sempre inserito in attività di gruppo, ho fatto gli scouts per diversi anni, ho fatto musica, gioco a calcio, ho fatto le superiori lontane da casa vivendo in un convitto con altri ragazzi ecc ecc.
Il problema che a causa appunto dei tic me ne sono sempre stato in seconda fascia, ho sempre cercato di non apparire, l'esatto opposto di una persona egocentrica.
Dentro soffrivo ma di svariate situazioni lo capisco solo ora il motivo all'età di quasi 24 anni.
Credevo di essere timido, ma perchè con gli amici no e con le persone con meno confidenza e con le ragazze si?
Perchè non volevo mettermi in mostra per paura che notassero i miei tic. Inevitabilmente ci sono situazioni e momenti che per me era difficile mascherarli, cosa che cerco di fare in continuazione in presenza di altri, momenti in cui venivo "scoperto" e allora via con le prese in giro. Mi son sempre tenuto tutto dentro, cercando di far finta di niente delle derisioni che subivo e per questo nei gruppi delle attività e a scuola non sono mai stato il classico sfigato, anzi, ero tra quelli migliori, visti meglio e più considerati.

Negli scouts, per chi non lo sapesse ci sono momenti di confronto, in cui bisogna esprimersi davanti a tutta la comunità e mettersi in discussione su vari argomenti, e sono momenti in cui io tremavo dallo sgomento di dover parlare, almeno quando ero obbligato, quando non lo ero ovviamente facevo l'ascoltatore che veniva poi invogliato costantemente a dire la mia e che nessuno mi giudicava. Ma questo non bastava, sapevo che il giudizio nei miei confronti ci sarebbe stato.

Per quanto riguarda la musica dico solo che mi viene da piangere se riguardo le cassette dei saggi in cui suono mentre sbatto gli occhi, provo una vergogna enorme e molto dispiacere, mi verrebbe da piangere. Tra l'altro ero dotato perchè leggere uno spartito sbattendo gli occhi non è facile! Poiho smesso di fare musica, e questo è uno dei motivi.

Le ragazze. Questo è il motivo più grosso che mi ha portato ad aprire gli occhi e ad agire per risolvere più difetti possibili della mia persona. Sono un bel ragazzo, e non vi dico quante volte da adolescente ad ora mi hanno detto persone di tutte le età: "Mamma mia, chissà quante ragazze ti corrono dietro!" Eh si, ho la fila! Ma dove? E dentro la mia testa mi dicevo "Sono timido da far schifo, non ne ho punte". Invece ora capisco che stare insieme da una ragazza mi mette ancora pù indifficoltà, perchè un amico mi accetta per quello che sono e ne ho tantissimi di amici, ma il timore di stare con una ragazza che poi scopre che soffro di tic mi ha sempre ucciso.
Per questo non ho mai avuto fidanzamenti, solo qualche breve storia con ragazze che mi hanno detto chiaramente che mi volevano dopo aver cercato in tutti i modi di farmelo capire menre io fuggivo da loro.

Da qualche mese ho cercato di combattere la mia timidezza con le ragazze andando a conscerle, cosa che prima mi sognavo, sto combattendo la paura e riesco ad instaurare una conversazione. Negli ultimi 5 mesi non so quante ragazze ho conosciuto in locali e disco, una marea. Tra tutte queste ce n'è state alcune con le quali è successo anche qualcosa, una di queste che sta abbastanza lontana da casa mia, mi piace da morire ed io piaccio a lei, soltanto che non ho il coraggio di rivederla, ovviamente per paura che i miei tic possano allontanarla da me.

Infine ho capito che in tutti questi anni ho sviluppato un carattere privo di credenziali in me stesso. Piccolo esempio, il fatto di essere spesso stato in un angolo, nascondendomi dalle varie situazioni, credo mi abbia anche bloccato dal punto di vista calcistco. Gioco in una categoria di poco valore ache perchè ho iniziato a 18 anni e le mie potenzialità sono molto buone. Però la differenza tra le mie prestazioni in allenamento e in partita sono enormi. In allenamento faccio ttto quel che so fare e in partita non riesco ad esprimermi, finendo spesso in panchina, gustamente. Il fatto di non esser mai stato uno che si butta, si mette in mostra, dimostra le sue qualità, dice la sua, mi tiene bloccato anche nello sport, nel senso che invece di provare per dire a tirare io o a dribblare o a fare un'azione personale passo il pallone, che vuol dire "fai te, mi levo la responsabilità, poi se sbaglio che succede". Con gli anni è un po migliorata la situazione ma generalmente sono spesso sfiduciato.

Da qualche giorno ho iniziato con delle pratiche, l'uso della scrittura a flusso libero e l'uso di affermazioni per vedere se crisolvo qualcosa.

Potrei scivere un libro ma non voglio annoiarvi, ho già scritto abbastanza e spero non sia troppo incasinato.

Fatemi pure domande per chiarimenti e aspetto il vostro aiuto!

Un grazie anticipato!

Alpha
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci - Jim Morrison
1/24/2008 5:49 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 41
Registered in: 1/22/2008
Dimenticavo che da quando ho cercato di riuscire a combattere la paura di parlare con le ragazze ho iniziato a fumare le sigarette.
Leggendo un libro sul Body Language ho capito che il fumo scarica la tensione e il nervosismo.

L'ho collegato ai tic e credo che il nervosismo e la tensione, che solitamente scarico attraverso i tic, che cerco di trattenere in presenza di ragazze, riesco a sfogarli fumando. Un rimedio temporaneo per i tic ma non certo per la mia salute.

Alpha
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci - Jim Morrison
1/25/2008 11:31 AM
 
Quota
OFFLINE
Post: 313
Registered in: 11/7/2007
Socio AST-SIT
Carissimo Alpha,

Ti ridò il benvenuto, e ti dico subito che mi ritrovo in varie cose che hai scritto.

Anch'io quasi 4 mesi fa quando ho scoperto il forum, e ho cominciato a scrivere, mi sono sentito molto rilassato per il solo fatto di non sentirmi più solo.
In particolare fino a prima di iscrivermi non avevo mai parlato a nessuno di tic e quant'altro...tanto meno sapevo di avere la tourette...semplicemente non volevo neppure pensarci, e mi aggrappavo al lato "controllabile" dei tic per dirmi che se volevo potevo smettere in qualsiasi momento.
Essere uscito allo scoperto qui sul forum ha innescato varie reazioni positive in me. Più consapevolezza del problema, più unione con altri simili, meno senso di colpa per come sono.

Neppure i miei sannò che sto studiando il fenomeno. In effetti loro non sanno neppure che esista la tourette...anche se mio padre stesso ce l'ha.
Non credo che per ora potrei mai parlarne con loro...è troppo complesso, e potrei farlo solo se non vivessi sotto lo stesso tetto.
Cmq sono d'accordo che potrebbe essere molto utile.

Come racconto su un post in cui mi descrivo, noto che per la maggior parte i miei tic nascono da un azione di pensiero soprattutto collegata alla parola...in pratica una forma di ecolalia interna.
Cmq anch'io piego il polso, e contraggo anche il resto della mano dita comprese.
Abbastanza recente è tendere la mandibola, che mi ha causato varie volte un movimento orrendo tipo lussazione.

"Il problema che a causa appunto dei tic me ne sono sempre stato in seconda fascia, ho sempre cercato di non apparire, l'esatto opposto di una persona egocentrica."

Come non capirti. Mi ci ritrovo molto. Anch'io posso collegare da poco molte cose che sentivo dentro, capendo che certi disagi centravano anche con il doversi controllare e altri aspetti della sindrome oltre i soli tic.
Tutto sommato, forse il fatto di non conoscere la sindrome e non voler pensare ai tic (pur essendo anch'io passato per le prese in giro..) ha fatto si che prevalesse l'aspetto ottimista che ho..il
continuo cercare avventura e amicizia.
Questo cmq come a te, ha portato ad un atteggiamento poco competitivo e a volte un pò arrendista.
Alla fine le sfide e le competizioni sono sempre state e sempre saranno con me stesso.
Devi pensare a come siamo nella totalità della persona. Non vedere solo che non ti esponi. Con la sensibilità che abbiamo, la mente che lavora molto e certi lati da tenere a bada, è ovvio che sia più difficile di chi ha la testa vuota e non sa neppure di esistere.
Vedi i lati positivi, possiamo provare sensazioni ed emozioni che magari altri non provano. Possiamo capire le persone, capire noi stessi e migliorare, possiamo vivere tutto più intensamente. Certo può far male, ma personalmente preferisco essere così, e poi magari imparare e mediare...che non esserlo, perchè non basterebbe una vita per capire e sentire quello che sentiamo noi.

Questo non significa che dobbiamo rimanere dietro le quinte, anzi.
Conosco un ragazzo, non so se tourettico, con tic molto forti e davvero vistosi che fa l'organizzatore di mostre di fumetto...e molto spesso parla davanti a centinaia di persone pur con i suoi tic...semplicemente se ne strafrega.
Non dico sia facile, ma lo sto provando sulla mia pelle in questo periodo...
Sto facendo molto "outing" parlando ad amici vari della sindrome, che cmq si nota poco in pubblico. A forza di parlarne mi sto rendendo conto che le persone, quelle intelligenti (e solo di quelle mi importa) se ne fregano dei miei tic, e anzi ci scappa anche che mi ammirano.

Cmq detto questo, soffro molto anch'io la timidezza con le ragazze..e in generale sento molto anch'io il peso del giudizio degli altri..anche se mi rendo conto che spesso è un fenomeno che vive solo o quasi nella mia testa.

Suono la batteria, e anch'io sono stato limitato dalle tensioni che mi prendono studiando la tecnica e/o leggendo.
Non sempre riesco a concentrami e stare rilassato.

Sul discorso ragazze e tic.
Come dicevo in pubblico riesco a essere molto controllato...pensa che tendo a trattenermi anche con i miei genitori...
Per cui, anche se sento che non mi fa bene, non avrei problemi a non lasciar trasparire nulla con una ragazza. Nonostante questo sono timidissimo, penso troppo e credo sempre di non essere all'altezza per entrare nella vita di una persona ed essere accettato.

Considera però questo, nel momento in cui una ragazza ti vuole bene, ti scopre e ti accetta pur non sapendo ancora dei tic...sono sicuro che se è una persona sensibile non può far altro che capirti e ammirarti, perchè saprà che raramente potrà trovare una persona aperte e sensibile come te.
Ovvio che poi non è facile, e come ho detto sopra io stesso per miriadi di motivi mi blocco.

Condivido anche il discorso di non dare il massimo per paura di sbagliare.
Anch'io mi sento una pentola a pressione pronta ad esplodere, ma quando ci sarebbe il momento per farlo preferisco guardare gli altri...immaginare e pensare alla prossima occasione.
E questo, ti capisco, fa soffrire molto...ti senti sprecato..buttato via. Vedi gli altri e quasi vivi la loro vita perchè ti senti scaricato della responsabilità, della possibilità di sbagliare e di perdere.
Che dire, è un problema attuale anche per me. E sto cercando anch'io rimedio...da un lato lo sto trovando forzando la paura di buttarsi.
Come stai facendo tu con le ragazze...affronti il timore e scopri che quella che era una paura aveva poi poco fondamento.

Mi sento di dirti continua così, e cerca di affrontare i tuoi mostri...vai per gradi ma non mollare e tieni stretto il cappio al collo delle tue paure.
La mente gioca brutti scherzi, soprattutto una mente florida come quella di un tourettico...

Figurati, qui non annoi nessuno, anzi scrivi più che puoi e usa il forum come strumento...non trattenerti lasciati andare e tira fuori tutti i dubbi e le puare.
Finora ho fatto così, e il forum mi ha aiutato davvero molto, anche solo come stimolo a scavarmi dentro.

A presto [SM=g7566]
1/25/2008 4:25 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 649
Registered in: 7/17/2007
Grande Seeker...

Vedi caro...le tue parole, sin dall'inizio, sembravano un fiume in piena, pronto a straripare, senza controllo...invece, hanno straripato si, ma in modo lento, quasi abituando tutti alla musicalità.

Una cosa mi fa veramente piacere e cioè, il tuo considerare questo spazio vitale, perché lo é!

Prima che tu arrivassi, questo spazio lo chiamavo forumterapia, prorpio per l'effetto che aveva avuto in me, e nel mio modo di essere e comunicare.

Ogni volta che qualcuno nota questa caratteristica del nostro forum, mi sento come se fosse la prima volta.

Prima sembra un po' strano comunicare con persone che non ti conoscono, ma con la tua stessa profondità d'animo, sensibilità, curiosità per la scoperta e la scelta di aprirsi, poi quasi inconsapevolmente scopri quanto bene abbia fatto al tuo cuore e quasi per contraccambiare, ti senti di accompagnare i nuovi arrivati alla scoperta di questo unico spazio.

Molti saluti
Eugenio Loddoni
1/25/2008 5:57 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 41
Registered in: 1/22/2008
Grazie mille Seeker per il tuo ottimo intervento, le tue parole sono di conforto!

Avere gente che capisce qualsiasi cosa tu dica perchè capiscono è molto di aiuto.
Volevo inanzitutto porre una banalissima domanda visto che non so niente delle varie sigle che usate, farmaci e tutto il resto.
Io ho i tic nervosi ma dai miei genitori non ho mai sentito parlare di Tourette. E' la stessa cosa o a Tourette comprende anche altro?

Volevo aggiungere altre cose a quello che avevo scritto. Qualche mese fa ho già detto che presi la decisione di cambiare, perchè mi sono reso conto che finora nella mia vita sto avendo il ruolo di comparsa, e invece voglio avere il ruolo di attore, quello principale. Nella vita molte persone aspettano le cose le accadano e prendono quello che viene, quello che finora ho fatto io, ma ho deciso che quello che voglio lo devo far accadere grazie solamente ed esclusivamente a me.
Per questo il fatto di essermi rintanato in me da che ero bambino mi ha stufato.
Sentivo dentro, e sento ancora un leone in gabbia, avevo voglia di parlare. E' come se alla nostra testa arrivassero 10000 parole al giorno che puoi buttar fuori parlando, ma se non parli ti rimango li ad occupare spazio. Io le ho sempre tenute li e ora la mia testa trabocca. Per questo sentivo il bisogno di parlare, andava bene qualsiasi persona, così ho preso la forza per cercare di aprire conversazioni in qualsiasi luogo e con qualsiasi persona, donne uomini, vecchi, bambini ecc. Anche a prendere un caffè, invece di chiedere un caffè e poi stare zitto, posso parlare di qualsiasi cosa, chiedere info stradali, consili per alcuni negozi o locali, queste sono le piu banali ma ho fatto di meglio. Nei locli e nelle disco come avevo già detto ho fatto un sacco di conoscenze di ragazzi e ragazze trovando anche delle ragazze carine. Non sempre riesco a parlare con le persone, l'ansia è tanta, un pò alla volta devo combatterla e farla passare. Voglio esser libero. Parlando con le persone cerco e spero anche di controllare i miei tic, perchè ovviamente cercherò di trattenermi e facendoci l'abitudine spero che passino. Non so se è un buon modo, ma ormai voglio provarle tutte, preferibilmente evitando medicinali, il prolema è nella mia testa, credo.


Ora ho un altro paio di domande da farvi:
-ho letto che i tourettici hanno maggior sensibilità e emozioni. Se così fosse posso spiegarmi diverse cose che mi sono accadute, e sono proprio contento di essere così, perchè sono cose bellissime.

-Ho letto anche che abbiamo un "terzo occhio"? Si riferisce sempre alle emozioni?

Chiedo scusa se sono domande banali e se sono cose dette e ridette.

Inoltre i miei genitori mi hanno sempre detto che da piccolo feci una risonanza magnetica alla testa e mi dissero che avevo un inteligenza superiore alla norma. E' frequente nei tourettici? Inoltre i miei genitori si son sempre aspetti da me grandi risultati a scuola, risultati che non ho dato loro alla maturità e che anche ora non sto dando visto che sono fuori corso all'università.

Se ho fatto un pò di confusione vi prego di scusarmi e di farmi domande che vi chiarisco, ho scritto in modo impulsivo e senza fermarmi!

Ciao, alpha
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci - Jim Morrison
1/25/2008 6:59 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 785
Registered in: 7/31/2007

[Post rimosso dall'autore]
[Edited by owlly 4/5/2018 8:39 PM]
1/25/2008 11:29 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 41
Registered in: 1/22/2008
Re: ...vediamo....
Innanzituto ci tengo a ringraziare chiunque mi risponda, quindi grazie mille a chi ha speso del tempo per me.

Credo di aver capito qualcosa in più sulla sindrome di Tourette, comunque sto leggendo un pò alla volta questo forum e sto imparando sempre cose nuove.

Per il discorso dei "super poteri" o terzo occhio credo di rientrarci per alcuni versi. Non è per niente semplice riuscirmi a spiegare, potrei fare milioni di esempi. Ne ho anche parlto con alcuni amici più intimi, rispetto per esempio ad una situazione, ad esempio mi è capitato di capire com'era quella persona, l'impressione che mi aveva fatto e che poi si è rivelata prorio quella, oppure riuscivo a capire cosa poteva pensare di me una persona anche dopo pochi minuti di una conversazione, oppure nell'ambito di ragazze capivo e capisco dopo se a lei posso interessare o meno, non so come dirlo....Per capire queste cose mi basta vedere cme mi guarda o alcuni sguardi in particolare, il suo tono di voce o paraverbale, la sua postura, cosa mi dice ecc. ecc.

Però mi rendo conto di cosa succede nella mia testa in queste situazioni, infatti quando ho provato a spiegarlo ad un paio di amici non capivano che cosa stavo dicendo. Sicuramente sarà difficile anche per voi capirlo perchè non mi sono certo espresso bene, ma almeno voi siete a conoscenza di questa cosa.

Anche per quanto riguarda la sensibilità e le emozioni, potrebbero essere delle cavolate, ma mi può emozionare una canzone, un film, un semplice ricordo, un pensiero, il battito del cuore aumenta e sogno continuamente, anche se penso ad un bel viaggio che ho fatto, una serata passata con una ragazza, o con degli amici, per tutto provo grandi cose. Infatti mi son sempre detto che sono una persona che si affeziona facilmente alle persone di qualsiasi età e sesso. Forse anche questa potrebbe dipendere dal mio problema.

Io vorrei capire tutto questo se è veramente così, se invece sono un caso, io mi voglio conoscere, indipendentemente dal fatto che sono n tipo curiosissimo e che sono sempre stato attratto dal conoscere il corpo e la mente umana.




... sulla RSM l'ho sparata grossa, ho scritto questo in base ad un vecchio ricordo. Feci una risonanza magnetica alla testa da piccolo e un sacco di visite per il fatto dei tic e come sono arrivati a dire che ho una certa inteligenza forse l'hanno dedotto in altro modo.
Putroppo non ho chiesto niente ai miei genitori, fa male parlarne anche se loro mi hanno messo al mondo e sono le persone che per prime vorrebbero il mio bene. Cercherò di radunare le mie forze e di chiedere informazioni a loro.

Il fatto che avere un alto QI non vuol dire andare bene a scuola sono pienamente d'accordo e l'avevo già sentito dire, inoltre da diversi anni ormai trovo anche difficoltà a concentrarmi, infatti studio poco e quando studio faccio pause ogni mezz'ora.

Se non mi sbaglio anche Einstein non andava benissimo a scuola da ragazzo! ;-)

Grazie ancora a tutti!

Alpha
[Edited by owlly 4/5/2018 8:32 PM]
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci - Jim Morrison
1/29/2008 3:52 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 20
Registered in: 8/20/2007
Sta' attento per quanto riguarda il fumo!!!
Magari e' vero che fumare stempera la tensione, ma dopo tutto quello che mi e' stato spiegato e che ho provato su pelle mi viene da dirti di stare attento. Io fumo come un forsennato ed e' difficilissimo per me smettere. Credo anche perche' ci sia di mezzo la sindrome; infatti quando smetto aumentano i tic puntualmente, anche se smetto solo per due o tre ore. Quindi levati subito sto' vizio finche' sei in tempo perche' nel mio personale caso posso dire che non e' tanto la dipendenza da nicotina a essere sofferta ma la mancanza di un rituale. Ripeto sta' attento.

Ma siamo sicuri che per essere touretici non sia necessario avere tic?
Il dsm dice di si' se non mi sbaglio!
[Edited by owlly 4/5/2018 8:33 PM]
1/29/2008 6:21 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 785
Registered in: 7/31/2007


[Post rimosso dall'autore]
[Edited by owlly 4/5/2018 8:38 PM]
1/29/2008 10:16 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 1,485
Registered in: 7/9/2007
Responsabile Scientifico


Nel testo di cui avevo parlato tanto tempo fa nel forum, "il Disturbo Ossessivo Compulsivo" di davide dettore, c'è una riflessione sul fatto che alcune compulsioni sono l'equivalente di un vero e proprio tic "mentale". Ma sono in molti a non essere d'accordo.

Comunque una buona diagnosi si basa sul principio del disturbo prevalente, per quel che serve una diagnosi clinica ovviamente.
Per quanto riguarda la mia pratica é molto più importante conoscere le caratteristiche di ogni singola persona.


GFM



[Edited by owlly 4/5/2018 8:36 PM]
1/30/2008 9:19 AM
 
Quota
OFFLINE
Post: 1,485
Registered in: 7/9/2007
Responsabile Scientifico
Correzione

Il riferimento alla compulsione ossessiva come "tic mentale" no sta in Dèttore, ma in

Judith L. Rapoport "il ragazzo che si lavava in continuazione e altri disturbi ossessivi" Ed. Boringhieri



1/31/2008 9:30 AM
 
Quota
OFFLINE
Post: 41
Registered in: 1/22/2008
Un'altra cosa, io mi sono reso conto che quando sono stanco, quando ci sono pensieri negativi e di tensione sia nella mia testa, come per esempio preoccupato per qualcosa, teso per un esame, o situazioni di caos in casa i miei tic aumentano.

Questo vuol dire qualcosa? Che tipo di natura hanno questi tic? E come al solito chiedo se c'è qualcosa che si possa provare a fare in queste situazioni??

Grazie!

Alpha
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci - Jim Morrison
2/1/2008 5:17 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 20
Registered in: 8/20/2007
Fiuuuuu!!!
Io credevo che fosse cosi' invece. Cioe' che i tic trattenuti venissero interiorizzati in turbe magari piu' gravi. Meno male
Per quanto riguarda la concentrazione io in genere arriccio una ciocca di capelli mentre studio o faccio respirazione diaframmatica qunado avverto tensione per qualcosa, questa pero' me la hanno consigliata e devo dire che funziona.
2/2/2008 12:38 PM
 
Quota
OFFLINE
Post: 1,485
Registered in: 7/9/2007
Responsabile Scientifico
per chiarezza


Trattenere i tic motori involontari non porta bene (rischio di panico ad esempio), questo é quello che é accaduto a diversi nostri soci. Per questo imparare a spostarli é meglio.
Diverso é per i tic compulsivi, almeno per alcuni, se guardi bene nel forum puoi trovare che se ne é parlato. Può accadere che trattenere (magari con qualche espediente) l'azione compulsiva faccia scoprire che non accade nulla di irreparabile o terribile, da cui l'abbandono di quella compulsione.

Poi bisogna vedere da cosa si originano i tic, se ad esempio la causa é una somministrazione di levodopa (dopamina, farmaco che di solito viene somministrato ai parkinsoniani, che in un certo senso é la sindrome opposta alla nostra) o di tegretol, trattenere può in effetti portare a diversi ed imprevedibili altri problemi.

Ad esempio sarebbe interessante sapere se la dopamina é stata somministrata a fargo prima o dopo l'evento TIC con coprolalia, e perchè.

GFM

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

     Discussioni Recenti


Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:13 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com